martedì, novembre 06, 2012

Illusioni della mente

Fermiamoci un attimo e riflettiamo: quanto sappiamo da dove veniamo e dove stiamo andando?

Noi siamo come su di una barca di cui il timoniere è la mente con la quale è errato identificarsi, in quanto la nostra soggettività è datta dall'io cosciente, cioè quello che veramente decide ogni nostra azione. Quindi è essa che ci porta nel perscorso che intraprendiamo giorno per giorno, ci sembra di andare dove vogliamo ma non è così.

Noi viviamo in attesa dell'accadimento degli eventi, non nello stato di colui che, avendo una visione netta della realtà, si muove sapendo dove andare (cosa fare) in ogni attimo della sua esistenza.

Proprio perchè non siamo noi a guidare la nostra vita, non seguiamo neanche la corrente "magistrale", nella quale siamo tutti immersi, che porta a Dio! Alla fine di questo discorso non abbiamo voglia di cambiare le carte in tavola e riprendere il dominio di noi stessi?

Nessun commento: